“La Commissione europea, con un avviso pubblicato il 17 maggio in Gazzetta ufficiale, ha comunicato l’avvio della procedura antidumping contro le importazioni di acciaio, un’iniziativa necessaria per bloccare l’offensiva indonesiana»: ad annunciarlo è stato oggi il presidente uscente del Parlamento europeo e vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, parlando a Terni in occasione di un incontro con i rappresentanti locali di Federmanager. Incontro incentrato sulla situazione di Acciai speciali Terni, in merito alla quale l’associazione ha espresso preoccupazioni, dovute in particolare alle dinamiche di mercato sempre più concorrenziali. Tajani ha spiegato che la procedura avviata dalla Ue prevede al momento «un’attività di monitoraggio per valutare se effettivamente il balzo della produzione indonesiana abbia superato, come è evidente, il tetto del 3%».

«Confido nella rapidità dei tempi – ha aggiunto Tajani ricordando di aver scritto da tempo a Jean-Claude Juncker -, solleciterò la Commissione a fare in fretta per attivare tutte le misure necessarie”. Secondo Tajani per l’Ue è altrettanto necessario «cambiare le regole della concorrenza, oggi obsolete, se vogliamo rendere competitivo il nostro sistema industriale». “Commettiamo un errore grave – ha concluso – se impediamo la nascita di campioni europei in grado di competere a livello mondiale, come è capitato in occasione della vicenda Outokumpu-ThyssenKrupp e come sta capitando adesso con la vicenda Tata-ThyssenKrupp”.